lunedì 23 gennaio 2012

Automatismi per la casa

Nel periodo estivo se l’esposizione dell’abitazione è rivolta a sud l’irraggiamento può far raggiungere temperature all’interno delle stanze esposte molto alte, se l’abitazione si trova tra due appartamenti allora i problemi possono trasferirsi ai condomini attigui.

Le temperature alte nel periodo estivo causano problemi anche ad elettrodomestici, se il frigorifero si trova a dover lavorare con uno scambio termico insostenibile si ha come risultato un consumo eccessivo di corrente elettrica, oltre il problema del calore c’è il problema delle radiazione UV, tutto ciò che si trova a portata di raggio solare (tende, tappeti, quadri, libri ed altro) tenderà a sbiadire, un metodo per evitare un irraggiamento eccessivo e temperature fuori controllo c’è.

Quando si esce per andare a lavorare e si rincasa la sera non si è coscienti di ciò che accade in nostra assenza nell’abitazione, la mattina il sole è basso e si è soliti lasciare le tapparelle alzate, durante le ore più calde l’appartamento avrà ricevuto un enorme quantità di energia termica sotto forma di radiazioni, la sera quando si rientra le temperature sono più miti e si è soliti accendere il climatizzatore per rendere più vivibile l’ambiente, cosi facendo si sperpera denaro.

Il climatizzatore prima di produrre il fresco di nostro gradimento deve abbassare la temperatura dell’aria e combattere il calore che emanano tutti gli oggetti che hanno assorbito calore, più tempo impiega per produrre fresco più la bolletta della energia elettrica sarà salata.


Un idea ben chiara su cosa fare quando si esce di casa ce l’ha Somfy, con il Sunis Wirefree RTS aprire e chiudere tapparelle o tende da sole ci pensa lui, grazie ad un sensore di luminosità attivato da una cellula fotovoltaica viene monitorato l’irraggiamento e se troppo elevato il sensore invia un segnale di chiusura alle tapparelle, quando il sole è meno intenso le tapparelle vengono riaperte, cosi facendo la temperatura all’interno dell’appartamento resta costante, il sensore della Somfy non necessita quindi di alimentazione.

Per chi possiede le tende da sole può capitare che durante l’arco di una giornata il vento faccia i capricci, quando si esce di casa ci si può anche dimenticare di riavvolgere la tenda, se il vento si alza durante la nostra assenza potrebbero essere guai.

Grazie ad un principio fisico chiamato portanza la tenda assume un effetto vela e se il carico del vento è eccessivo la tenda può anche strapparsi, per evitare di buttare al vento denaro si può acquistare un altro prodotto Somfy, l’Eolis 3D Wirefree RTS.


Il principio di funzionamento dell’Eolis è molto simile a quello del Sunis ma in questo caso specifico non è l’irraggiamento che attiva il circuito di chiusura ma un piccolo anemometro che misura la forza del vento e decide quando riavvolgere la tenda.

Nessun commento:

Posta un commento

Posta un commento